www.ilcanarinofiorino.com
www.ilcanarinofiorino.com

PATOLOGIE: LE NOSTRE ESPERIENZE

Naturalmente al consolante buono stato di salute del Fiorino, oltre al tipo “spartano” di alimentazione, concorrono altri fattori, fra i quali in primo luogo l’assenza di malattie. Cominceremo proprio a parlare di queste o almeno di quelle di cui abbiamo fatto diretta esperienza. Le nostre esperienze fatte nel lontano periodo in cui allevavamo tutte le Razze arricciate ci sono state di fondamentale aiuto, ma le esperienze sono continuate anche successivamente quando il nostro “ridimensionato” allevamento era formato soltanto da Fiorini, così come lo è tuttora. Quattro sono state le patologie principali di cui abbiamo fatto approfondita e utile esperienza: il vaiolo, il mughetto, la colibacillosi, la micoplasmosi. Fra quelle, diciamo così, di secondaria importanza ricordiamo i due tipi di emorragie (particolarmente importante per facilità di diagnosi, la emorragia cerebrale), il prolasso cloacale e l’uropigite, tutte malattie descritte nel mio testo “Canaricoltura”.

 

VAIOLO – Purtroppo il nostro allevamento nell’anno 1982, a causa dell’introduzione di un Verzellino acquistato in uccellerai per vedere se era possibile diminuire ancora di più la lunghezza dei primi Fiorini ottenuti con gli iniziali incroci (tentativi successivamente ripetuti con esito del tutto negativo), fu contagiato da questa spaventosa malattia che portò a morte l’80% dei soggetti: tutti i Gibber, l’80% degli Arricciati del Nord, degli Arricciati del Sud e dei Padovani; un poco meno colpiti, non sapremo dire perché, gli Arricciati di Parigi, i primissimi Fiorini che avevamo cominciato a selezionare e le balie. Nel trattato “Canapicoltura” sono descritti dettagliatamente sintomi, decorso e profilassi.

 

MUGHETTO (Candidosi) - Il contagio avvenne nell’anno 1979 a causa, forse, dell’uso di muschio raccolto in un bosco, da mettere a disposizione delle coppie per la confezione del nido. Anche questa malattia è descritta in “Canaricoltura”.

 

COLIBACILLOSI – E’ una malattia facilitata dalla presenza di micoplasmi, da una dieta impropria, quale la somministrazione di verdure ortive, alimenti deteriorati, ecc. Per quanto concernei novelli, la virulentazione del Colibacillo sembra essere favorita da una sorta di shock da lui subito nei primi giorni dopo il passaggio dalla gabbia da cova alla voliera dove soggiornano numerosi altri soggetti che con la loro attività creano disturbo al timido ospite. Sono assimilabili a questa infezione , come sintomi, e come cura la salmonellosi e la pasteurellosi. Per una esauriente trattazione si può consultare “Canaricoltura”.

 

MICOPLASMOSI – Di questa malattia , assai più comune di quanto si creda, crediamo utile parlare più diffusamente in modo che l’allevatore non sia fuorviato dai suoi sintomi estremamente subdoli, in quanto negli adulti la mortalità è modesta (circa il 10%), mentre la morbilità (rapporto fra infetti e indenni) è assai più alta. L’interesse per questa patologia, già notissima in pollicoltura, iniziò quando nei primi anni 80 si diffuse rapidamente negli allevamenti italiani una malattia che fu denominata “Micosi 80” o Proventricolite. Vi furono lunghe e accese diatribe accademiche su cause, sintomi e terapie, ma noi crediamo che il merito del preciso inquadramento di questa forma morbosa spetti al dottor Marra che ne parlò sulla rivista “Italia Ornitologica” negli anni 1991 e 1992. Anche noi fummo colpiti da questa malattia e fummo coinvolti nella sua trattazione, riuscendo infine, fortunatamente, a capire perfettamente ogni aspetto di essa. La malattia riguarda soprattutto le morti inspiegabili dei nidiacei pochi giorni dopo la nascita, l’infausto fenomeno che sotto la denominazione di “crisi del settimo giorno”.

In sintesi si tratta di questo. Gli adulti portatori sani dell’infezione sono più predisposti dei sani a contrarre varie malattie, fra le quali la ben nota colibacillosi; in altre parole, in particolari circostanze, il micoplasma scatena la virulenza del Colibacillo e di altri analoghi microrganismi, specialmente Gram-negativi. Nel nidiaceo ancora privo di sufficienti anticorpi induce l’instaurarsi di varie patologie secondarie, fra le quali, in primo luogo la proventricolite, nel qual caso, di norma, i nidiacei muoiono pur avendo lo stomaco e il gozzo pieno di alimento. Si tenga presente che il micoplasma passa per via diretta dalla madre portatrice nelle uova che risultano tutte infette. Anche noi, ed altri allevatori della nostra Associazione, abbiamo avuto a suo tempo qualche fenomeno del genere e, come descritto in “Canaricoltura” , abbiamo individuato varie terapie efficaci, se non nel proseguo degli anni. Successive esperienze in proprio, suggeriteci da confacenti ricerche su Internet, ci hanno permesso di appurare che attualmente la cura più efficace contro questa malattia e le sue complicazioni, è rappresentata dal gruppo dei chemioterapici di sintesi che vanno sotto il nome di “Chinolonici”. Fra questi la Danofloxacina e la Enrofloxacina, quest’ultima contenuta nel farmaco “Baytril”. La cura è la seguente: 10 gocce di Baytril sol. Iniettabile 2,5% in 100 ml di acqua per 5 giorni una quindicina di giorni prima dell’inizio della deposizioni primaverili. Data l’ottima tollerabilità del prodotto la dose può anche essere aumentata e, comunque, eventuali fenomeni di intolleranza, peraltro rarissimi, non lasciano conseguenze di sorta.

 

Accanto alle accortezze da mettere in atto per prevenire le malattie infettive, l’allevatore deve curare altri aspetti dell’igiene, sia dell’ambiente che dei canarini.

Indispensabile è che ogni apertura, finestre, ecc., sia schermata da rete zanzariera, acciocché le due Specie di Zanzare (notturne e diurne) presenti in Italia non entrino nel locale.

Assoluta deve essere l’assenza dell’acaro rosso, sia per evitare gli effetti del suo parassitismo ematofago, sia per dare tranquillità all’allevatore che, altrimenti, in un costante stato di allarme deve controllare di continuo e limitare quanto più è possibile i danni. Se l’eradicazione totale di questi malefici e repellenti parassiti dagli ambienti non è facile, ma comunque possibile mediante energici interventi, di contro la prevenzione e la cura diretta sui canarini è oggi facilitata da vari antiparassitari di massima efficacia (Oramec, Ivomec, ecc.).

Assai meno preoccupante è la presenza sui soli canarini dei cosiddetti “pidocchi pollini” i quali, comunque, sono facili da eliminare una volta per tutte con l’uso degli stessi antiparassitari detti sopra. Utile è la presenza dei ragni i quali, se ospiti da tempo, certamente hanno trovato nascosti qua e la insettucci di varie specie (eventualmente anche zanzare) che costituiscono la loro abituale dieta. Ovviamente, da punto di vista estetico, una stanza con ragnatele qua e là non è il “top” , ma nell’allevamento dello scrivente la presenza dei ragni Opinioni (quelli con le zampe lunghissime e il corpo piccolino – Phalangium Opilio) è ben nutrita ed io addirittura l’incoraggio, non preoccupandomi della presentabilità. Di tutto gli altri accorgimenti, più o meno affettivi, non crediamo sia il caso di parlare. Ognuno fa le sue scelte.

Stampa Stampa | Mappa del sito
© 2013 www.ilcanarinofiorino.com - E' vietato utilizzare testi e foto senza previo consenso.